Ognuno sta col proprio amore

Claudio Palma - 17/12/2015 20:59 - Poesie, Newage
Ognuno sta col proprio amoreOgnuno sta col proprio amore, e per tutti dovrebbe essere così.
A patto che sia Amore vero, tra due persone, lei e lui, che si amano veramente.
Ed ecco allora che magicamente, non si sa come, si capisce come trasformare il piombo in oro.
Ed ecco la poesia:

Ognuno sta col proprio amore
ed io non so dove sta il mare
anche se nel cuore c'è energia
come piombo pesa sull'anima mia.

Saprei come trasmutarlo in oro
ma è durissimo e arduo il lavoro
che non basterebbe una vita
che questa è quasi finita.

Tempi duri e difficili
amori sin troppo facili
donne giuste donne sbagliate
via dalla mia vita sono andate.

Mille donne dolci e acide
ma solo una era Iside
e cresce l'acqua ma scorre via
impossibile sublimarla in energia.

Il calice rimane vuoto
e cammino verso l'ignoto
Nel sentiero stretto cado nel dirupo
ma testardo mi rialzo e ricomincio daccapo.


© Copyright 2015 Claudio Palma – tutti i diritti riservati

https://www.storiepoesie.it/poesie/ognuno-sta-col-proprio-amore/950

◆ Ultimi posts

◆ Argomenti

◆ Tag

acqua alcol amare amica amici amicizia amico amore amore cieco amore universale anima astrale bacio bimbi bottiglia buon natale cane chitarra cielo come suonare coscienza cuore dal vero denaro dimensioni Dio disegno dolce dolore donna donne ego egoismo emarginazione emozioni errore facebook falsità farmaci fb felicità fotocamera frutta fumo illusione innamorarsi internet iphone legno luce luce madre malattia mamma mano mare matita meditazione Mobbing morire morte musica nascere natale notte occhi odio passione pazzo poesia primavera realtà regali ricordi ritratto salute sdoppiamento astrale sempre sesso socializzare sogni sogno soldi sole solitudine stazione telefonino uno veganismo vegano vegetali vegetariano verdure versi vita

◆ Posts più visti

◆ Su Facebook

StoriePoesie.it su Facebook

◆ Statistiche

Visite per questa pagina: 410
Totale visitatori: 546186
Visitatori ora: 2
di cui connessi: 0

Mappa del sito

Le foto e le parole di Claudio Rodolfo Palma