Metro di distanza: distanziamento sociale

Claudio Palma - 14/06/2020 16:36 - Poesie, Newage
Metro di distanza: distanziamento socialeDobbiamo ripartire, ma facciamolo ad un metro di distanza, mi raccomando. Sennò guai, chissà cosa potrebbe accadere. Distanziamento sociale, c'è chi dice che un metro di distanza non basta, va beh facciamo due allora. Forse tu volevi ripartire tenendoti per mano o abbracciato ad altri? No non si può, possiamo tornare a fare tutto ma ad un metro di distanza. Mi raccomando. Anche quando vai ad un bagno pubblico, vacci pure ma ad un metro di distanza dal water, però mi raccomando cerca di fare centro e non mandarla in terra.


Non sarà quel metro di distanza
ad impedirci di aprire gli occhi
per vedere la vera realtà dei fatti
e curare i veri mali di oggigiorno

Non sarà quel metro di distanza
ad impedirci di scambiarci pace ed amore
perché l'amore è contagioso
ben oltre un metro di distanza

Non sarà quel metro di distanza
ad impedirci di capire con certezza
che non siamo noi i malati contagiosi
ma siete voi poveri governanti litigiosi

Cosa dice quel metro di distanza?
Che siete voi i malati ma nella coscienza
ma siete nostri fratelli e non abbiate timore:
noi, la parte sana del mondo, vi cureremo col nostro amore

E non sarà un metro e neanche dieci
ad impedirci di creare un mondo nuovo
un mondo scevro da tornaconti di potere ed economici
dove la coscienza di ognuno crescerà fino a capire che siamo tutti Uno

Anche con quel metro di distanza
noi vi impediremo di nuocere ulteriormente
ma siete nostri fratelli e non abbiate timore:
noi, la parte sana del mondo, vi cureremo col nostro amore

Copyright 2020 Claudio Palma - tutti i diritti riservati
Claudio Palma - 14/06/2020 16:36

https://www.storiepoesie.it/poesie/metro-di-distanza-distanziamento-sociale/1157

◆ Ultimi posts

◆ Argomenti

◆ Posts più visti

◆ Su Facebook

StoriePoesie.it su Facebook

◆ Statistiche

Visite per questa pagina: 93
Totale visitatori: 657580
Visitatori ora: 2
di cui connessi: 0

Mappa del sito

Le foto e le parole di Claudio Rodolfo Palma