Argomento "Inchieste" - pag 2

alla ricerca della verità in quelle vicende dubbie o oscure: vaccini, malati come modo di far soldi, fumare, ciò che mangiamo, attualità nostrana e internazionale, facebook, scie chimiche. - pag 2

Bimba vegana... oops, no non è vegana

bimba vegana oops non è vegana

Bimba vegana... oops, no non è vegana. Gia che strano eh? Il 30 giugno, prima del chiarimento che la bimba non era vegana, contrariamente a quanto dichiarato in modo quantomeno affrettato e denigratorio per i vegani, da La Repubblica, era apparso un post sul sito di Valdo Vaccaro con dodici obiezioni sulle speculazioni dell'articolo de La Repubblica a cui rimando immediatamente la lettura.... continua a leggere


Lotto e Gratta e Vinci disonesti ma legali

lotto

Lotto e Gratta e Vinci disonesti ma legali. In altre parole giochi iniqui, al Lotto e Gratta e Vinci non si vince mai, le probabilità di vincita sono quasi nulle.
Ecco il modo in cui lo Stato ha trovato il modo di far soldi a spese di chi si illude di vincere chissà cosa e non sa che le probabilità di vincita sono talmente scarse da definirle nulle.... continua a leggere


Facebook = solitudine

facebook = solitudine

Quando arrivi a pensare ai social ed a Facebook come qualcosa di indispensabile alla tua vita, allora sei: malato. Devi curarti.
Facebook è uguale a solitudine. La matematica non è un'opinione.
Facebook è solitudine. Social network sono solitudine. I social network sono stati inventati per tenere la gente incollata ai computer ai tablet agli smartphone ai telefonini ai cellulari. I social sono stati inventati per raccogliere quanti più dati e informazioni private sulle persone, in modo da utilizzarli per scopi pubblicitari e per rivenderli a terzi. I social sono utili sono ai loro proprietari perché sono diventati straricchi.... continua a leggere


◆ Ultimi posts

◆ Argomenti

◆ Posts più visti

◆ Su Facebook

StoriePoesie.it su Facebook

◆ Statistiche

Totale visitatori: 656502
Visitatori ora: 3
di cui connessi: 0

Mappa del sito

Le foto e le parole di Claudio Rodolfo Palma